Storia dei cognomi afroamericani comuni

Contenuti

Se sei interessato alla storia afroamericana, ci sono dozzine di posti per iniziare. Libri di storia, documentari e persino aneddoti possono rivelare molto, ma ti sei reso conto che anche il tuo cognome può dirti molto sulla razza in America e su cosa ha passato la tua famiglia?

Potresti non renderti conto di quanti nomi comuni nascondono un passato oscuro. I cognomi hanno molto da dire sull'eredità, anche quando quell'eredità è stata tagliata con la forza. Le relazioni razziali e la storia afroamericana sono immortalate nei nomi della comunità: esaminare queste storie può insegnarti molto.

Di seguito è riportata un'introduzione della storia nera, parte del doloroso passato che è racchiuso nelle convenzioni di denominazione afroamericane e i cognomi più comuni che si trovano nella comunità afroamericana.

La grande macchia sulla nostra storia

Dovremmo mettere qui un disclaimer che gran parte di questa storia è sconvolgente, irritante o affronta temi difficili. Ma ciò non significa che non debba essere studiato; in effetti, è un motivo in più per scavare in queste storie.

Se sei afroamericano e cerchi di guardare al tuo passato attraverso il tuo cognome, ci saranno molti ostacoli. È difficile trovare registrazioni affidabili di cognomi afroamericani oltre un certo punto perché i documenti che sono stati conservati elencavano il nome del loro rapitore o nessun cognome.

Le origini dei cognomi afroamericani

Niente sembra più elementare di un cognome, ma identificarsi come parte di un gruppo o di una famiglia è un diritto che diamo per scontato. In effetti, questo diritto non è stato concesso alla maggior parte degli afroamericani fino all'abolizione della schiavitù.

Molte persone costrette alla schiavitù hanno ricevuto nomi dai loro padroni bianchi perché erano usati come un modo per sminuire i neri come proprietà. ha interrotto molti dei legami con le radici africane di molti afroamericani, motivo per cui può essere così difficile scoprire da dove vengono.

La tratta degli schiavi transatlantici

La tratta degli schiavi iniziò nel XVI secolo e continuò fino al XIX. È una grande macchia sul nostro passato e il fattore più importante nella ricerca del patrimonio afroamericano. Quella linea di discendenza fu tagliata dall'istituzione della schiavitù dei beni mobili, che cercava di disumanizzare gli schiavi togliendo loro la dignità, i loro figli e persino i loro nomi.

Le persone venivano portate via dalle loro case e stipate sulle navi degli schiavi per il "Middle Passage", che è così che veniva chiamata la migrazione forzata verso l'America. Nelle navi, queste persone hanno sopportato condizioni disumane. Sono stati costretti a indossare catene e rudemente 15% di persone morì prima di arrivare a destinazione.

La schiavitù permeò gran parte della vita americana nel XVIII e XIX secolo, specialmente nel sud. Anche Thomas Jefferson e George Washington possedevano schiavi nonostante proclamassero che tutti gli uomini sono creati uguali.

Nomi durante l'era della schiavitù

Molte persone schiavizzate prese dall'Africa furono ribattezzate nelle Americhe e persino dato il cognome dei loro rapitori. Questo è il motivo per cui anni dopo, nel 20° secolo, il noto leader dei diritti civili Malcolm X rinunciò al suo "nome da schiavo" e assunse X per rappresentare il nome che avrebbe dovuto se i suoi antenati non fossero stati presi dai colonizzatori.

Oltre all'orrore di essere portati via da casa e ricevere un nuovo nome come Smith o Williams, molte famiglie sono state distrutte con la forza e i loro nomi sono cambiati, rendendo ancora più difficile studiare la tua eredità. I bambini piccoli sono stati presi dai genitori e venduti separatamente. Potrebbero anche ricevere nomi separati, complicando ulteriormente qualsiasi ricerca genealogica che potresti tentare.

I registri non erano ben tenuti e anche quando lo sono, sono difficili da leggere. I posti migliori per trovare i nomi degli afroamericani erano gli scontrini di vendita. Durante quest'epoca, gli schiavi erano elencati sotto i loro padroni nel censimento degli Stati Uniti, che separava le razze in nere, bianche o mulatte (un termine dispregiativo per razza mista).

Se stai cercando i tuoi antenati nel censimento degli Stati Uniti, saranno elencati come poco più di mezza persona. Il compromesso dei tre quinti nella costituzione del 1787 li considerava inferiori alle loro controparti bianche.

Come la guerra civile ha influenzato i cognomi

L'autoidentificazione è una libertà che spesso diamo per scontata, ma poter avere un nome di cui andare orgogliosi è un privilegio che molti americani bianchi trascurano. Non ci rendiamo conto di cosa significhi ricevere un nome contro la tua volontà e dover essere chiamati con un nome che ti è stato assegnato da un rapitore.

Fu solo dopo la guerra civile che molti schiavi del sud poterono scegliere come chiamarsi. C'era una corsa di persone che si identificavano dopo aver combattuto così a lungo per la libertà, molti di loro hanno scelto nomi biblici come James o nomi che hanno riconosciuto come Washington.

Dopo l'emancipazione, sempre più neri americani hanno iniziato a identificarsi, a scegliere i propri cognomi e a cambiare i cognomi che erano stati dati per farli propri. Nel suo articolo per il Chicago Tribune, Lolly Bowean scrive di come il suo nome possa essere un imbastardimento di Bowen. Da qualche parte lungo la sua linea di famiglia, qualcuno probabilmente ha cambiato l'ortografia.

Alcuni uomini liberi autoidentificati assunsero nomi francesi, forse per emulare la vibrante cultura creola della Louisiana, dove i neri godevano di più libertà rispetto ad altri luoghi del sud. Molti si sono anche dati nuovi nomi e hanno scelto nomi come James e Martin. I cognomi più comuni erano quelli inglesi, come Johnson, Williams, Jackson, Brown, Jones, Smith, Richardson e altri. Nel 2011, Washington è stata persino chiamata la nome più nero nel paese in diversi editoriali citando il censimento degli Stati Uniti.

In modo straziante, alcuni afroamericani portano ancora il loro passato di schiavi nel loro nome. C'erano coloro che, dopo l'emancipazione, assumevano lo stesso nome della loro piantagione o conservavano il nome dato loro dai rapitori per motivi di identificazione, in modo da poter trovare altri membri della famiglia dai quali erano stati separati contro la loro volontà.

Nero contro afroamericano

È importante qui notare che non tutti i neri si identificano come afroamericani e la tratta degli schiavi non era l'unico modo in cui i neri arrivavano negli Stati Uniti. Il nero è una razza che abbraccia le nazioni e molti neri hanno mantenuto i loro cognomi africani: dipende dall'ondata di immigrazione che li ha portati nelle Americhe.

L'Africa è un grande continente. In origine, molte nazioni avevano le proprie convenzioni di denominazione che sono state modificate dopo l'arrivo dei colonizzatori e hanno standardizzato i nomi nella struttura nome-cognome occidentale.

In che modo le ondate di immigrazione influenzano i cognomi afroamericani

Non tutti gli immigrati africani sono arrivati negli Stati Uniti su navi di schiavi. I nomi etnicamente africani sono ora prevalenti in molte enclavi africane i cui antenati non risalgono agli schiavi.

Se il tuo cognome è più tradizionalmente africano, la tua famiglia probabilmente è arrivata su un'ondata di immigrazione diversa rispetto al "Middle Passage". È possibile se il tuo cognome è etnicamente africano che la tua famiglia sia arrivata su una di queste onde, il che dovrebbe rendere molto più facile individuare i record dei tuoi antenati.

Cognomi afroamericani comuni

Molti cognomi afroamericani sono di origine inglese. Questo perché la maggior parte degli schiavi lavorava nelle piantagioni di proprietà di coloni inglesi o scozzesi, coltivando cotone o tabacco nel "Nuovo Mondo".

I cognomi britannici divennero popolari dopo la conquista normanna ed erano comuni al tempo della colonizzazione dell'America. I nomi sono spesso derivati da patronimici, che significa provenienti dalla linea paterna, oppure potrebbero derivare dalla loro occupazione, da un soprannome o dal luogo in cui vivevano.

Ad esempio, il figlio di Jack si chiamerebbe Jackson. Un cognome britannico come Smith significherebbe che da qualche parte nella tua eredità il tuo antenato era un fabbro. Se il tuo nome era Hill o Lake, significava che un antenato viveva su una collina o vicino a un lago. Altri nomi possono anche essere derivati da soprannomi come Short o Little.

I nomi più comuni per gli afroamericani secondo il censimento

Ancora oggi, il censimento divide i gruppi razziali in categorie come afroamericani, ispanici, nativi americani, nativi hawaiani e altri abitanti delle isole del Pacifico. Questi sono i 10 cognomi afroamericani più comuni secondo il censimento del 2000:

  • Williams: Williams è un patronimico di origine inglese di qualcuno con un antenato di nome William.
  • Johnson: Questo cognome è un patronimico di Giovanni.
  • Fabbro: Nome comune di origine inglese, Smith significa qualcuno che lavora con il metallo.
  • Marrone: Un cognome comune derivato dalla carnagione di un antenato o dal colore dei loro capelli.
  • Jackson: Questo nome è un patronimico di Jack.
  • Davis: Questo nome è un patronimico di David.
  • Tommaso: Thomas è un cognome comune di origine biblica che significa gemello.
  • Harris: Un significato patronimico figlio di Harry.
  • Robinson: Un patronimico del nome Robin.
  • Taylor: Taylor è un cognome che deriva dall'occupazione di tagliatori o sarti.

Pensieri di chiusura

Se sei interessato a saperne di più sulle tue origini, il tuo cognome è un ottimo punto di partenza per la tua ricerca genealogica. Tuttavia, preparati a un sacco di dolore e rabbia. È importante riconoscere che la libertà è stata conquistata duramente e che l'eredità della schiavitù ci colpisce ancora oggi.

Ci sono anche molti fattori che renderanno la tua ricerca un po' difficile. È possibile che il tuo antenato non fosse considerato una persona a causa della tratta degli schiavi. Piuttosto che nel censimento, dovrai cercare le ricevute nei libri mastri: sì, è straziante, ma è anche importante.

È un motivo in più per conoscere un po' meglio la tua storia e magari incoraggiare gli altri a fare lo stesso. La tratta degli schiavi e la macchia sul passato dell'America non sono sempre discusse a fondo a scuola, quindi sta a noi educare noi stessi.

Un altro buon posto per saperne di più sulla tua eredità è guardare i vecchi album fotografici. Se lo fai e ti imbatti in vecchie foto che richiedono una riparazione, noi di Image Restoration Service saremo onorati di aiutarti nel tuo viaggio alla scoperta del passato. I nostri servizi sono facili e convenienti: contattaci oggi stesso per iniziare!

15 risposte

    1. Ciao Shawn,

      Ho appena terminato il mio viaggio di scoperta e ho scoperto che il mio cognome è del padrone di schiavi della Virginia. Il mio bisnonno, si è dato il nome. "Nero" di certo non suona africano, quindi sono quasi certo che alla tua famiglia sia stato dato il nome.

    2. Il nero è principalmente un cognome scozzese. Probabilmente è iniziato come un soprannome dato a una persona scura o dalla pelle più scura. I Pitti ei Celti scozzesi avevano certamente la pelle più scura degli invasori anglosassoni che potrebbero aver dato loro quel soprannome. C'è un'antica favola secondo cui il merciano Wulfricus Niger, altrimenti noto come Wulfric il Nero intorno al 980, ricevette il suo nome dopo essersi annerito la faccia per passare inosservato attraverso i suoi nemici del nord.

    3. Il cognome Black deriva generalmente dall'occupazione di Fabbro. È probabile che qualcuno della tua linea di famiglia fosse un fabbro di mestiere.

    1. “Wright è un cognome professionale originario dell'Inghilterra. Il termine "Wright" deriva dalla parola inglese antico "wryhta" o "wyrhta" intorno al 700 d.C., che significa lavoratore o plasmatore di legno. Successivamente è diventato un qualsiasi lavoratore professionale (ad esempio, un maestro d'ascia è una persona che costruisce navi) ed è usato come cognome britannico".

      Forse qualcuno nella tua linea familiare ha lavorato come Wright. Ad esempio, come un carpentiere che costruisce navi, o un carraio che fa ruote, ecc.?

  1. Gli africani avevano cognomi in stile occidentale? Anche nell'“ovest” i cognomi oi cognomi venivano assunti in epoche diverse nelle diverse culture, alcune fino al 1880.
    Come si applica questo a quelle aree dell'Africa in cui le persone ridotte in schiavitù venivano vendute a mercanti di schiavi?

  2. Da dove viene Gates. Avevo quattro prozii nati nella Carolina del Sud e venduti ad altri proprietari di schiavi in Alabama. Sono scappati e si sono arruolati nell'esercito sindacale. I loro nomi sono sul monumento dei soldati colorati in D,C,

  3. Stavo ricercando la mia discendenza familiare quando ho trovato i miei nomi precedentemente sconosciuti
    G'G Grandparents, Josiah & Frances Smith, che vissero nella zona rurale di Covetta, in Georgia, tra il 1830 e il 1900. Dopo aver divorziato dal mio G'Father, mia G'mother ha poi sposato un altro uomo del posto di nome Phillip Smith, (nessun parente di Josiah). Sebbene Smith sia un nome molto comune negli Stati Uniti, sembrava un po' strano che avesse sposato due Smith. Questo articolo mi ha aiutato a chiarire un possibile "perché" per me, soprattutto perché qualsiasi informazione scritta su di loro, come il cognome da nubile di Frances, o altri membri della famiglia, inclusi i nomi dei genitori, le professioni, ecc., non erano nell'elenco o non erano disponibili. Un censimento che ho trovato elencava Josiah come "lavoratrice sul campo" e Frances come moglie, che "faceva il bucato".
    Non sono sicuro di avere ragione nel presumere che fossero o fossero stati schiavi, ma essere neri in Georgia in quel periodo di solito significava una cosa, "raccogliere cotone o tabacco".

  4. Ciao, il cognome Bullard è molto importante tra gli afroamericani e vorrei sapere perché?
    Gli irlandesi furono anche trattati crudelmente, venduti e mandati in Australia e in altri paesi come schiavi e per "crimini" su navi civiche per cose piccole come sparare a un coniglio. Le donne venivano portate in Australia come schiave del sesso o vendute.
    La storia di Bullard sembra essere piena di miseria e tristezza.
    Qualsiasi conoscenza è apprezzata con gratitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Emily Hutton

Come fotografa, restauratrice e designer, Emily non è solo un tuttofare, è un'esperta certificata. È una drogata di tecnologia e il membro più dipendente dallo schermo del team IRC. Quando si tratta di recensioni di prodotti, le sue intuizioni e i suoi consigli non sono secondi a nessuno.

Condividi questo articolo

Iscriviti per aggiornamenti settimanali

Dai un'occhiata ai nostri post correlati

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Le tue informazioni di fatturazione

Purtroppo il tuo pagamento non è andato a buon fine. Non siamo in grado di vedere da parte nostra il motivo per cui il tuo ordine non è andato a buon fine: riprova o contatta il tuo fornitore di servizi di pagamento.

Ordine totale

Idee regalo foto festa della mamma

Pacchetto predefinito di Lightroom

x1
$54.99

Diritti commerciali

x1
$19.95

TOTALE

$109,93 USD

Vuoi eliminare la tua foto caricata?