Logo del blog del centro di restauro dell'immagine

Le origini e i significati dei cognomi danesi

Emily Hutton

I cognomi in Danimarca hanno iniziato ad essere usati solo di recente, ma le loro origini possono essere fatte risalire a prima dell'era vichinga. In questo articolo, daremo uno sguardo alla profonda storia di alcuni comuni cognomi danesi e ai loro significati.

Storia dei cognomi in Danimarca

La storia delle convenzioni sui nomi in Danimarca abbraccia molti secoli ed è stata fortemente influenzata dalle sue antiche culture e dai rapporti con le nazioni vicine. Diamo un'occhiata a come i cognomi danesi si sono evoluti nel tempo:

Pre-vichingo all'era vichinga

Nell'antica epoca nordica, le grandi città con una grande popolazione non erano ancora all'ordine del giorno. Le comunità erano per lo più piccoli insediamenti in cui tutti si chiamavano per nome. Le uniche persone che usavano un nome aggiuntivo erano persone degne di nota. 

Le prime registrazioni di persone che usavano un nome aggiuntivo sono apparse su pietre runiche risalenti all'era vichinga. Queste pietre runiche hanno registrato circa 500 individui con identificatori univoci. Ad esempio, tra i nomi trovati su queste pietre runiche c'è Harald Konge. Harald sarebbe il nome, mentre Konge (che significa "re") sarebbe l'identificatore. Quindi, mentre ci sarebbero state varie persone con il nome Harald, questo particolare Harald era probabilmente una sorta di sovrano. 

Non c'è traccia di questo tipo di convenzione di denominazione utilizzata dalla gente comune. Tuttavia, con il passare del tempo e la crescita degli insediamenti, è nata la necessità di un nome secondario per integrare i nomi propri. 

Così, la gente comune iniziò a usare nomi patronimici che denotavano la relazione patrilineare di un individuo. Ad esempio, supponiamo che Harald avesse un figlio di nome Erik. In questi insediamenti più grandi era probabile che ci fosse più di un Erik. Per distinguerli, Erik sarebbe stato chiamato Erik Haraldsøn, che significa “Erik, figlio di Harald”. Questi nomi non erano legalmente obbligatori ed erano per lo più usati solo all'interno di queste comunità.

Il Medioevo

Non è stato fino al Medioevo che vediamo qualcosa di più vicino ai cognomi moderni. In questi tempi, la posizione internazionale della Danimarca portò le famiglie nobili tedesche a immigrare nell'area. I tedeschi avevano già un convenzione di denominazione esistente che includeva i cognomi. E, così, il re Frederik I decise nel 1526 che anche la nobiltà danese avrebbe avuto cognomi per seguire le convenzioni popolari usate in Germania e in altri paesi europei.

La maggior parte della nobiltà danese aveva già cognomi noti. Secondo la nuova legge del re, queste famiglie convertirono i loro cognomi in cognomi ufficiali. Tuttavia, alcune famiglie nobili non avevano cognomi stabiliti. Quindi, per seguire la legge del re, adottarono il nome dello scudo come cognome. Ad esempio, Harald Gyldenstjerne sarebbe Harald del clan Gyldenstjerne. 

Altre famiglie nobili usavano nomi completamente nuovi come cognomi, usando tipicamente parole che alludevano alla cultura o alla religione nordica. Un esempio di questo sarebbe il nome Tordenskjold, con tormentare che significa "tuono" e skjold significa "scudo".

Il XIX secolo

La convenzione di denominazione resa popolare dalla nobiltà nel Medioevo divenne più diffusa nel XIX secolo e l'uso di due nomi era popolare tra la gente comune. Le persone che vivevano nelle città più grandi usavano parole derivate dall'origine o dall'occupazione della famiglia. Tuttavia, l'uso dei patronimici era ancora la norma per la grande maggioranza dei danesi.

La tradizione di tramandare il nome del padre al figlio non rendeva facile l'identificazione degli individui. Questo perché il nome della famiglia cambiava ogni generazione. Ad esempio, se Erik Haraldson avesse avuto un figlio, quel figlio avrebbe usato il cognome Erikson. 

Il governo aveva bisogno di un modo ufficiale per identificare le persone, quindi nel 1828 fu approvata una legge che rendeva i cognomi legalmente obbligatori per tutti i cittadini. La legge stabiliva che il cognome scelto doveva essere ereditario e uguale sia per i figli che per le figlie. Oltre a ciò, le persone potevano scegliere qualsiasi nome volessero. Alcune persone hanno scelto il nome dell'azienda agricola di famiglia, mentre altre hanno scelto un cognome professionale. 

Tuttavia, poiché i danesi erano un popolo molto tradizionale, la maggior parte continuò sui passi dei loro antenati vichinghi e scelse cognomi patronimici.

Il 20° secolo

Mentre la legge del 1828 tentava di standardizzare le convenzioni di denominazione, presentava anche problemi imprevisti. Vale a dire, i nomi che la maggior parte dei cittadini sceglieva per se stessi erano già comuni in primo luogo, quindi molte famiglie non imparentate finirono con gli stessi cognomi.

Nel 1904 fu approvata una nuova legge che offriva ai cittadini a købenavn, letteralmente un "nome di acquisto". È stato un altro tentativo di convincere la popolazione danese a scegliere nomi più univoci in modo che potessero essere facilmente identificati dai registri ufficiali. Il cognome doveva essere scelto da un elenco di nomi pre-approvati. 

Tuttavia, non è mai diventato popolare. I danesi non volevano adottare un cognome senza storia, così molti scelsero di mantenere i loro cognomi secolari. 

Origini dei cognomi danesi

I cognomi non erano ufficiali per la maggior parte della storia della Danimarca. I danesi usavano principalmente nomi di battesimo combinati con un identificatore aggiuntivo unico per ogni persona. Sebbene ci fossero molte origini di questi identificatori, i più comuni erano patronimici. Altri identificatori aggiuntivi comuni derivavano dall'ambiente o dalla professione familiare. La legge sui nomi del 1828 ha consolidato questi identificatori in cognomi e li ha resi ereditari. 

Patronimico

I nomi patronimici hanno semplicemente trasmesso il nome del padre al figlio e alla figlia con l'aggiunta del suffisso -figlio o -datter. Figlio significa "figlio" mentre datter significa "figlia". 

Diciamo che un uomo di nome Jens ha avuto una figlia e un figlio. La figlia sarebbe stata chiamata Jensdatter, che significa "figlia di Jens", mentre il figlio sarebbe stato chiamato Jensøn per "figlio di Jens".

Successivamente, i cognomi sono diventati obbligatori per legge e dovevano essere gli stessi per tutti i bambini indipendentemente dal sesso. Quindi, il suffisso -datter è stato abbandonato e sia il figlio che la figlia hanno usato lo stesso cognome. Nella Danimarca moderna, circa un terzo della popolazione porta cognomi patronimici. 

Professioni

Sebbene non così comune come i patronimici, divenne anche popolare scegliere un identificatore aggiuntivo derivato dall'occupazione familiare. Poiché l'influenza tedesca è storicamente forte in Danimarca, molti cognomi professionali che vediamo oggi sono stati tradotti in tedesco. 

Ecco i cognomi danesi più comuni derivati dalle professioni:

  • Moller: Significa "mugnaio"
  • Schmidt: Significa "fabbro" in tedesco, tradotto dal danese smed
  • Fisher: Significa "pescatore", derivato da fisk significa "pesce" in danese
  • Skytte: Significa "cacciatore", derivato da skyd significa "sparare" in danese

Toponomastico

Oltre al patronimico e al lavoro, erano comuni anche i cognomi derivati dal luogo di nascita originario di una famiglia. Questi tipi di cognomi in genere utilizzavano il nome del villaggio da cui proveniva la famiglia o un indicatore geografico nelle vicinanze. 

Ecco alcuni esempi di cognomi toponomastici:

  • Ribe: Significa "da Ribe", una città in Danimarca
  • Holst: Derivato da Holstein, una regione della Danimarca vicino alla Germania
  • Beck: Significa "ruscello" e deriva dalla parola norrena bekkr; probabilmente utilizzato da una famiglia che viveva vicino a un ruscello
  • Stenberg: Sten che significa "pietra" e bjerg che significa "montagna"; forse dato a una famiglia la cui dimora era in un luogo roccioso vicino a una montagna

Soprannome

Questi tipi di cognomi erano originariamente usati per distinguere due persone con lo stesso nome. Ad esempio, era molto probabile che un villaggio avesse due persone di nome Hans. Quindi, le persone avrebbero dato a ciascuno di loro un soprannome univoco come secondo o cognome. 

Questi nomi potrebbero provenire da apparenze fisiche, come Hvid che significa "bianco" o Lille, che significa "piccolo". Anche l'uso di nomi di animali era comune. Ad esempio, Bjørn significa "orso". Altri soprannomi derivavano dalle stagioni, come Vinter che significa "inverno" o Høst, che significa "raccolto".

Proprietà dei terreni agricoli

Ancora oggi, la maggior parte della Danimarca è costituita da terreni agricoli. I cognomi danesi derivati dai nomi delle fattorie erano un modo per mostrare la proprietà del terreno agricolo. Questi nomi erano normalmente abbinati a un prefisso per identificare più precisamente la specifica azienda agricola, poiché ce n'erano molti. 

Ecco alcuni esempi di nomi di aziende agricole utilizzati come cognomi:

  • Norregård: Significa qualcosa come "fattoria del nord", probabilmente riferito a una fattoria a nord di un villaggio 
  • Agard: Significa "fattoria vicino al ruscello".

Skovgard: Significa "fattoria vicino alla foresta"

I 10 cognomi danesi più comuni

Le convenzioni di denominazione danesi in passato preferivano l'uso di patronimici per i nomi secondari. Oggi, circa un terzo della popolazione danese ha cognomi patronimici. 

Ecco i 10 cognomi più comuni in Danimarca. 

Cognome

Significato inglese 

Jensen 

Figlio di Jens

Nielsen

Figlio di Niels

Hansen

Figlio di Hans

Pedersen

Figlio di Peder 

Andersen

Figlio di Anders

Christensen

Figlio di Christen

Larsen

Figlio di Lars 

Sørensen

Figlio di Soren

Rasmussen

Figlio di Rasmus

Jørgensen

Figlio di Jørgen

Cognomi danesi comuni non patronimici

 

Sebbene i danesi in genere usassero il nome del padre nel secondo o nel cognome del bambino, c'erano altri modi per identificare le persone che non erano basati sui patronimici. Ecco alcuni cognomi comuni, così come alcuni unici, che provengono da fonti diverse dal nome del padre. 

Cognome

Significato inglese 

Lund

Significa "boschetto". Anche il nome di una città in Svezia. 

Holm

Parola danese per una piccola isola

spina

Significa "cespuglio spinoso". 

Anselmo

Combinato da COME, che è un tipo di collina allungata, e hjelm, che significa "casco"

Bille

Antica parola norrena per "ascia"

Dal

Dalla parola danese dal, che significa "valle"

Grammo

Vari significati, ma potrebbero derivare dalla parola norrena gram, che significa "ira"

Lykke

Cognome danese comune che significa "felicità"

Filo

Significa "spiaggia"

Wolff

Dalla parola danese Ulv, che significa "lupo"

Scoppio

Soprannome per una persona rumorosa. Derivato dalla parola norrena banga, che significa qualcosa come “battere

Havn

Significa "porto"

Rosendahl

Significa "valle delle rose"

Mørk

Significa "oscuro"

Kvista

Dalla parola svedese qvist, che significa "ramoscello"

Prest

Significa "sacerdote"

Pyndt

Dalla parola danese pinta, che significa "decorazione"

Krog

Cognome derivato da una località, che significa "angolo" o "piega"

Pensieri finali

La Danimarca ha una lunga storia che dura da migliaia di anni e i cognomi che vediamo oggi in Danimarca hanno una storia altrettanto lunga. La maggior parte dei nomi è stata tramandata di padre in figlio per centinaia di generazioni. Alcuni hanno origini molto semplici, come i cognomi che usano il nome del padre. Altri hanno origini che possono far risalire le loro radici oltre l'era vichinga.

Indipendentemente dall'origine, i cognomi danesi sono reliquie della storia. Servono come riflesso di come i danesi hanno visto il mondo e interagito con la loro comunità. Il loro desiderio di mantenere il loro legame con il passato è evidente e mostra quanto apprezzassero le loro tradizioni e lasciti. 

Articoli correlati